venerdì 5 maggio 2017

Book Lover instervista a Natasa Ursic

 

INTERVISTA A NATASA URSIC

 


Care Lovers,

a causa di varie festività e della mia memoria labile sono passate due settimane e non ho pubblicato l'intervista della settimana, ma riprenderemo da oggi, come avrete notato dal banner l'intervistata della settimana e' Natasa Ursic autrice self, che recentemente a pubblicato il secondo volume della "The Unloved Series".


 The Unloved Series



Ora possiamo dare il via all'intervista; ringrazio Natasa infinitamente per avermi concesso questa opportunità!

 
Cosa ti ha spinto a decidere di iniziare a scrivere un romanzo?
 
⚜ Per necessità. Dovevo sfogarmi in qualche modo e questo è stato quello meno invasivo e più economico.

Ti è mai capitato di non essere soddisfatta di un tuo lavoro?  

  Cambio spesso idea. Un lavoro potrebbe soddisfarmi per qualche giorno ma poi capita che cambio idea e li devo scegliere.

 

Come mai non eri soddisfatta? Cosa non ti piaceva? 

 

⚜ Tante piccole cosa. Solitamente sono frasi che mancano o un ragionamento diverso.

Cosa fai quando ti devi concentrare?

⚜ Mi tappo le orecchie.

Hai detto che ascolti della musica, di che genere?

⚜ Ascolto un po’ di tutto. Solitamente accendo la radio o imposto la tv sul canale musicale e lascio in sottofondo. Prediligo Eminem e Merilyn Manson. 

Come nascono le tue storie?
 
⚜ È una ‘fan ficton’ inventata quando ero ragazzina. Poi con il passare degli anni, i pezzi, le scene e tutto il resto si è creato da sé.

Come scegli i prestavolto per le tue storie? 

⚜ Nella mia testa, o per lo meno, quando la storia è nata, i protagonisti erano diversi. Poi per comodità (non trovavo le gif visto che il vero Richard ne ha pochissime) ho cercato uno che gli assomigliava.



♡  Se una CE dovesse decidere di acquistare i diritti per una tua storia quale vorresti finisse in libreria?

⚜ Di certo non questa. Questa è mia e mia resterà. Semmai ne scriverò altre, allora li ne riparliamo.
  
Quando hai deciso che volevi diventare una scrittrice? I tuoi amici e parenti ti hanno supportata oppure no?

⚜ Ma non ho deciso di diventarlo. Diciamo più che lo facevo più come passatempo e come sfogo. Gli unici a sopportarmi sono stati mio marito e mia figlia. Per il resto hanno tutti storto il naso quando l’hanno saputo. Ma ti dirò, non m’interessa. Devo essere felice io e non loro.
 
Quali sono i tuoi pregi e difetti come autrice?
 
⚜ Non credo di avere pregi ma solamente tanti difetti che magari per qualcuno possono essere pregi. Ad esempio sono pignola, sbadata, testarda e mi dimentico facilmente le cose.


Ascolti mai il parere dei tuoi personaggi?

⚜ Assolutamente no.  



Sogno nel cassetto?

⚜ Nulla in particolare eccetto vorrei finire questa collana e magari dedicarmi a qualche altra storia con un po’ più di pepe. Vorrei tornare a condurre una vita tranquilla e non una maratona. Ma per il resto nulla.



Ti è mai capitato di sentirti giu' di morale? E cosa fai in queste occasioni?

⚜ Mi capita molto spesso. Con il lavoro che faccio sto poco a casa e questo mi rende triste visto che sono una pantofolaia. L’unica cosa che faccio e parlare con la mia migliore amica. Solitamente ci impiega pochi secondi a farmi sentire meglio.



Quali sono le scrittrici e gli scrittori italiani che preferisci? 

⚜ Non ho preferenze. Per me ogni scrittrice è la mia preferita.



 Grazie infinite a Natasa per essere stata mia opsite in questa prima settimana di Maggio!