lunedì 27 marzo 2017

Book Lover Intervista a Sylvia Kant



Care Lovers,

Come preannunciato l'intervista di questa settimana è a Sylvia Kant, autrice dei best seller come Prova ad Amarmi e Prova ad amarmi ancora.

Qui di seguito trovate il link di acquisto per amazon.

1. Prova ad amarmi
2. Prova ad amarmi ancora

Venite a scoprire cosa ci ha rivelato......

 INTERVISTA

 
Cosa ti ha spinto a decidere di iniziare a scrivere un romanzo?
Davvero non saprei. Il momento in cui ho iniziato a scrivere storie si perde nella notte dei tempi. Per quanto riguarda il primo libro sul gigolò Antony, è nato come un semplice racconto, dopo che avevo conosciuto un tipo che realmente organizzava le orge per i ricchi ed ero rimasta folgorata dalla sua totale assenza di scrupoli e moralità. Poi, col tempo, ho sentito la necessità di dare più spazio al personaggio, perché molte cose su di lui non erano state dette. I miei libri nascono così: uno spunto, due righe scritte su un foglio, un tovagliolo, uno scontrino, che poi viene dimenticato in un cassetto, finché il personaggio che lì è stato appena abbozzato, non comincia a strepitare e battere sempre più forte nella mia testa per uscire ;)

 Ti è mai capitato di non essere soddisfatta di un tuo lavoro?  

⚜ Sempre. Sono sempre assolutamente INSODDISFATTA del mio lavoro. Ogni volta che termino un romanzo e lo rileggo, sarei tentata di riscriverlo di nuovo. E, in genere, lo faccio. Sono famosa per le mie centinaia di revisioni del testo che poi, alla fine, non mi soddisfa mai. In linea generale, però, scrivendo solo quello che piace a me, sono sempre appagata;) . Mi spiace molto per le persone che, leggendo i miei libri, invece non lo sono, aspettandosi magari qualcosa di diverso. Scrivere per soddisfare le aspettative altrui può essere molto remunerativo, il problema è che non mi riesce molto bene ;) :D 

Come mai non eri soddisfatta? Cosa non ti piaceva? 


⚜ Come ho già detto, la storia che scrivo, in generale, mi soddisfa sempre, perché è quello che voglio scrivere, quello che mi piacerebbe leggere, perciò da questo punto di vista non ho mai problemi. Però ci sono quei particolari del testo che, rileggendolo a distanza di tempo, balzano agli occhi e ti fanno venire voglia di metterci ancora le mani: ripetizioni, fastidiosi refusi che non avevi notato, frasi che potevano esser espresse meglio, piccolissime contraddizioni nelle azioni di un personaggio, e così via...

Cosa fai quando ti devi concentrare?
⚜ Mi rintano in camera mia, sul letto, col portatile davanti e i tappi nelle orecchie, per colpa di mio marito che, come tutti i mariti, si diletta in hobbies spesso rumorosi... Specie quando non riesce a ottenere la mia attenzione :D 


Hai detto che ascolti della musica, di che genere?
⚜ Davvero di tutto, dalla musica classica al rock. Nelle mie playlist c'è sempre un miscuglio che cerca di seguire le onde delle sensazioni che vorrei trasmettere con la storia che sto scrivendo. 

Come nascono le tue storie?
⚜ Dalle persone che ho conosciuto o conosco, dalle loro storie e da quelle che ho vissuto in prima persona. La realtà è sempre un ottimo trampolino di lancio per la fantasia.
  
  
Come scegli i prestavolto per le tue storie? 
⚜ In genere li scelgono le mie lettrici... E anche molto bene, direi! A volte, però, mi capita di vedere un attore o un modello e associarlo alla storia che sto scrivendo, ma sono solo piccolissimi spunti, perché non amo imbrigliare la fantasia di chi legge.

Quando hai deciso che volevi diventare una scrittrice? I tuoi amici e parenti ti hanno supportata oppure no?
⚜Non credo d'aver mai deciso di diventare una scrittrice perché non mi sento tale neppure adesso, a dir la verità. Mi è sempre piaciuto scrivere, ma in casa non erano molto d'accordo. Pensavano che dovessi sfruttare meglio il mio tempo, studiando materie che mi avrebbero permesso di trovare un lavoro, anziché inseguire sterili fantasie :( . E' stata solo la mia insegnante di italiano e latino al liceo a dirmi: “Quando scriverai il tuo primo romanzo, ricordati di mandarmene una copia”. 

Quali sono i tuoi pregi e difetti come autrice?
⚜  Il mio pregio spero sia quello di scrivere storie che trascinano i lettori in mondi paralleli, il difetto quello di scrivere molto, molto lentamente e di non esser mai soddisfatta delle revisioni.

Ascolti mai il parere dei tuoi personaggi?
⚜ Sempre. Ascolto sempre il parere dei miei personaggi :D

♡ Cosa hai provato quando la newton ti ha contattata? ricordi ancora quel giorno cosa è successo?

⚜ Quando la Newton mi ha contattata, avevo il terrore che mi avrebbero obbligata a modificare il romanzo secondo i canoni romance, invece hanno scommesso su Prova ad amarmi così com'era, dicendomi solo: "Magari cerca di farlo rientrare in tot pagine, che la carta costa"... E così ho solo tagliato parti e personaggi superflui, rispetto la versione self.

 
♡ So che stai scrivendo un romanzo a 4 mani ci puoi anticipare qualcosa?
⚜ Sto scrivendo un romanzo EROTICO con Daniela Volonté. Essendo, per l'appunto, piuttosto hard come al mio solito, probabilmente Daniela pubblicherà sotto pseudonimo. Per le tematiche trattate, immagino che anche questo provocherà la solita levata di scudi... Ma ormai ci sono abituata.

 
Sogno nel cassetto?
⚜  Pubblicare anche i miei romanzi di narrativa, quelli che trattano di tematiche sociali.

 
Ti è mai capitato di sentirti giu' di morale? E cosa fai in queste occasioni?
⚜ Guardo i miei serpenti e poi esco con gli amici. 

 
Quali sono le scrittrici e gli scrittori italiani che preferisci? 
⚜ Ce ne sono tantissimi, ma siccome devo essere sintetica, nominerò solo quelli i cui libri rileggo spesso e volentieri e, quindi: Daniela Volonté, Anna Chillon, Naike Ror, Nina Pennacchi, Amabile Giusti, Elisa Gioia, Adele Vieri Castellano, Virginia De Winter, I.M. Another, Priska Nicoly, Ann Owen, Virginia Dellamore, Chiara Cilli, Fleur Du Mar, A.I. Cudil, Robin C., Miss Black, solo per dirne alcuni ;)



Purtroppo siamo arrivati alla fine di questa splendida intervista. Come ho detto a Sylvia quando l'ho contattata, avevo il timore che non mi concedesse questa opportunità, a causa dei suoi impegni; invece mi ha sorpreso dedicandomi 5 minuti per rispondere alle mie domande, e per rispondere a voi fan in pagina. Devo ammettere che mi avete invaso la pagina di notifiche, e mi avete regalato dei bei sorrisi. Detto questo ringrazio infinitamente Sylvia per questa opportunità! Un bacio a tutti voi.

Alla prossima intervita....





 

 




venerdì 24 marzo 2017

Recensione: Sono Sempre stata tua


Sono sempre stata tua 

Debora C. Tepes















Ehyla' lovers, 
oggi voglio parlarvi del primo volume di questa serie che ho amato alla follia. Questa storia d'amore tra me e questa serie; era un giorno come un altro quando navigando sulla mia home di Facebook mi è comparso il post sponsorizzato, di uno scatolone con dentro i due volumi di questa serie, così decisi di iniziare a leggerla.

Acquista la tua copia di Sono sempre stata tua su amazon!





  
Trama

La scelta è ardua, i sentimenti contrastanti, i ricordi vividi…

Indiana è una ragazza ribelle che sogna la libertà. Adora dipingere, fare yoga, e divertirsi insieme all’amica Jan.
Nell’ultima notte di agosto, rischia di farsi arrestare per una delle sue tante bravate, ma verrà soccorsa da un ragazzo che la tirerà fuori dai guai. Lui è Aaron Jarrold e incarna l’esatto opposto di Indiana.
Aaron, con i suoi modi di fare dolci, si avvicinerà a lei pian piano, riuscendo ad abbattere le difese della ragazza che rifiuta ogni contatto con il sesso opposto da quattro anni, a causa di una delusione che le ha avvelenato il cuore. Eppure, Indiana si lascerà andare.
Tutto sembra perfetto con Aaron, fino a quando… Il passato non ritorna a bussare alla sua porta, stravolgendole la vita. Sexy, tatuato, sfrontato: Elijah ritorna prepotentemente. Chi è? Cosa vuole? Che minaccia si porta dietro?
Indiana si troverà così davanti a un bivio: resistere e ignorare Elijah, o farsi coinvolgere dalla forte attrazione verso questo Bad Boy, che ha tutte le intenzioni di farle perdere la ragione. Cosa sceglierà tra giusto e sbagliato? Sincerità e bugie? Certezza e l’imprevedibilità? Tenerezza e passione? 



La protagonista di questo romanzo è Indiana, una ragazza che preferisce trasgredire alle regole che seguirle, questo finchè una notte mentre rischia di essere arrestata per una delle sue bravate, incontra Aaron, lui è il suo opposto, sempre preciso e rispettoso delle regole, tra i due nasce qualcosaanche perchè dopo quattro anni di diffidenza verso l'universo maschile a causa di una delusione, le barriere di Indiana iniziano a crollare, finalmente è di nuovo felice, ma a minare questa sua felicità ci pensa Elijah, che ritorna all'improvviso nella vita della giovane ragazza.

Lui è tornato nella sua vita per stravorgela e riprendersi il cuore di Indiana. 
Non vi racconto altro non perchè non mi ricordi dei passaggi meravigliosi del libro, ma perche' se inizio a parlarvene non finirò più, e finirei per raccontarvi tutto il libro. Questo è uno di quei libri che dovete leggere assolutamente, se amate le protagoniste forti e indipendenti, ma dovrete leggerlo sopratutto se amate le storie d'amore che vi va battere il cuore a 1000. 


Da quando Elija le ha spezzato il cuore quattro anni prima, Indiana non riesce a fidarsi dei maschi, ma soprattutto non riesce a superare il 31 agosto di ogni anno senza ubriacarsi così tanto da scordarsi anche il suo nome.

 Lei è convinta che Aaron sia la persona giusta per aggiustare il suo cuore ridotto a brandelli, dall'unico ragazzo che lei abbia mai amato, ma che forse ancora ama. Elija è il classico bad boy, si sono conosciuti durante l'estate di quattro anni prima, erano entrambi giovani e si sono innamorati l'uno dell'altra o almeno così credeva lei, finche' lui non le spezza il cuore.

Tutto sempra andare per il verso giusto nella vita di Indiana finche' un giorno non trova Elija svenuto sul divano del caffè di sua madre. Da li la sua vita cambia, il dolore che cerca di nascondere ricompare prepotentemente insieme ai ricordi di quattro anni prima che cerca di seppelire per sempre.

E se i sentimenti che Indiana provava per Elija non si fossero assopiti come lei pensava, e quel sentimento che sta nascendo per Aaron è vero amore?



Debora è un autrice fantastica, capace di regalarti emozioni con i suoi personaggi, e poi sinceramente parlando ho avuto il piacere di parlare con lei spesso, ed è anche una persona molto gentile e disponibile.



Con Indi e Elija la Tepes si è acquistata un posto nella mia classifica delle scrittrici preferite. 
Ho amato la storia tra Indy e Elijah, pagina dopo pagina, riga dopo riga.
Debora mi ha regalato mille emozioni, attraverso i suoi personaggi.


martedì 21 marzo 2017

Intervista a Sam P. Miller

 Intervista   

 

 

 

Care Lovers,

eccoci con un nuovo appuntamento per la rubrica delle interviste, questa settimana ho avuto il paicere di intervistare Sam P. Miller una nuova autrice emergente, una ragazza molto gentile e alla mano, vi invito ad acquistare il suo romanzo su amazon.

Opere Pubblicate

-Guardami ancora

Cosa ti ha spinto a decidere di iniziare a scrivere un romanzo?

Leggere e scrivere sono cose che hanno sempre fatto parte della mia vita, era una cosa intima, personale che facevo per me, come valvola di sfogo. Ultimamente ho avuto un periodo un po’ turbolento e avevo proprio la necessità di fare qualcosa che mi liberasse la mente da tutto il resto, così è nato Guardami ancora. All’inizio sinceramente non avrei mai immaginato di arrivare a pubblicare questa storia, era una cosa mia, una favola che volevo ricreare secondo il mio punto di vista. Ho scelto volutamente una storia dagli intrecci da manuale perché doveva essere esattamente questo, una reinterpretazione del romanzo classico, non volevo che fosse una storia fuori dalle righe o estremamente originale, volevo che fosse una specie di sogno a occhi aperti

Ti è mai capitato di non essere soddisfatta di un tuo lavoro?  

Sinceramente no. Sono una persona molto intransigente con me stessa e con il mio lavoro, quindi cerco sempre di fare del mio meglio, sono consapevole di non poter accontentare o soddisfare tutti, tuttavia, quello che riesco a realizzare di solito mi rende orgogliosa, anche solo per il fatto di averci provato.



Cosa fai quando ti devi concentrare?
⚜ Ascolto molta musica.

Hai detto che ascolti della musica, di che genere?
Non c’è un genere prestabilito, scelgo la canzone che in quel momento mi comunica l’emozione che cerco d trasmettere e provo a trasferirla sulla carta.

Come nascono le tue storie?
Non c’è un iter preciso, ci sono immagini che cominciano a rincorrersi nella mia testa e sento l’esigenza di fermarle sulla carta. Di solito sono alcune sequenze dietro alle quali poi si sviluppa una storia.

 
Come scegli i prestavolto per le tue storie? 
  Bella domanda, dipende da chi arriva prima, se il prestavolto o il personaggio. Se ho già un protagonista ben delineato cerco qualcuno che abbia le sue caratteristiche fisiche, ma in alcuni casi, può succedere il contrario, creo un personaggio che sia fisicamente identico a qualcuno che mi piace e che poi sarà il suo prestavolto.

Se una CE dovesse decidere di acquistare i diritti per una tua storia quale vorresti finisse in libreria?
⚜  Ce n’è una che non ho ancora scritto e che spero di riuscire a realizzare presto, quello sarebbe un libro che amerei molto vedere in libreria.
  
Quando hai deciso che volevi diventare una scrittrice? I tuoi amici e parenti ti hanno supportata oppure no?
Sono pochissime le persone che sanno di questa mia passione, ovviamente quelli che ne sono a conoscenza mi hanno supportato tantissimo, e hanno creduto in questa cosa, forse anche più di me.

Quali sono i tuoi pregi e difetti come autrice?
Non saprei rispondere a questa domanda, perché sinceramente non mi sono mai soffermata ad analizzare la cosa. Pregi e difetti sono molto soggettivi e probabilmente è chi legge che dovrebbe dirlo, non io.

Ascolti mai il parere dei tuoi personaggi?
Il parere dei miei personaggi? In realtà sono loro a decidere tutto, guardami ancora doveva essere un libro a un solo pov, quello di Eva, poi però Anthony era così pressante che ho dovuto inserire anche il suo riscrivendo praticamente metà libro.

Sogno nel cassetto?
Credo di essere una persona molto fortunata, ho realizzato tante delle cose che mi ero prefissa di fare, per cui non potrei chiedere tanto di più. Certo vedere il mio libro in libreria sarebbe molto emozionante.

Ti è mai capitato di sentirti giu' di morale? E cosa fai in queste occasioni?
Sì, mi capita spesso, ma di solito in quei momenti leggo qualcosa di bello e coinvolgente, è un modo per cancellare i pensieri negativi.

Quali sono le scrittrici e gli scrittori italiani che preferisci? 
Ce ne sono davvero tanti, amo leggere libri scritti in italiano e non tradotti perché la nostra lingua è così bella e musicale che nessuna traduzione può eguagliare l’originale. Tra tutte te ne posso citare alcune, perché altrimenti ci vorrebbero dieci pagine. L’autrice che preferisco in assoluto è Sylvia Kant, che indipendentemente dai temi trattati, secondo me è un mostro sacro. Padroneggia la lingua in modo magistrale, io di quella donna leggerei qualsiasi cosa proprio perché adoro la sua scrittura. Poi ci sono altre autrici italianissime e altrettanto brave, come Laura Pellegrini, lei è un altro fenomeno secondo me. Laura riesce a conciliare tra di loro parole apparentemente slegate e a trasmettere una specie di poesia. L’ultimo libro che ha scritto, prima che sia l’alba, è poesia pura. Altre due autrici di cui leggerei qualsiasi cosa sono Marilena Barbagallo e Elisa Gioia. Di loro adoro i personaggi, la caratterizzazione che riescono a dargli, io sono stata sopraffatta sia da Christian Kelly che da Krum Botev, mi capita spesso di rileggere dei passaggi dei loro libri perché li ho amati alla follia.




lunedì 13 marzo 2017

Intervista a R.T. Wade

Care Lovers,

oggi ho avuto il piacere di intervistare per voi un autrice fresca fresca, il suo primo romanzo è uscito in self su amazon il 28 febbraio, il romanzo è intitolato " SOLO PER TE" è un romazo erotico e autoconclusivo, disponibile su amazon a 0.99.

I romanzi di R.T. WADE

- Solo per te

Ma ora veniamo all'intervista! Inanzitutto voglio ringraziarla per il tempo che mi ha dedicato per rispondere a queste domande.


INTERVISTA

Cosa ti ha spinto a decidere di iniziare a scrivere un romanzo?
I libri sono sempre stati la mia passione, fin da quando era piccola. Ricordo, infatti, che letteratura era la mia materia scolastica preferita. Adoravo scrivere testi e leggerli. Ero l’unica in classe, che ogni volta alzava la mano per poter leggere. E quando ero a casa, amavo scrivere, dando spazio alla fantasia. Quindi ciò che mi ha spinto a scrivere è stato proprio ciò, pura e semplice passione.

Ti è mai capitato di non essere soddisfatta di un tuo lavoro?  
No, più che altro mi è spesso capitato di provare paura nel farlo leggere.
  
Cosa fai quando ti devi concentrare?
Mi chiudo in camera, nel totale silenzio e resto sola con la mia mente.

Se ascolti musica di che tipo?
Durante la scrittura non ascolto musica, come ho già anticipato preferisco il silenzio.

Come nascono le tue storie?
A volte sono nate da alcuni sogni notturni, altre volte mentre ascoltavo una canzone.

Come scegli i prestavolto per le tue storie?
Provo a immaginarmi che volto avrebbe tale personaggio, soprattutto in base al suo carattere e a come me lo immagino. Poi scorro tra i film o serie tv e cerco quello che più, secondo me, rappresenta il personaggio.

Se una CE dovesse decidere di acquistare i diritti per una tua storia quale vorresti finisse in libreria? 
Al momento ne ho pubblicata solo una: “Solo per te”. Ne ho due in fase di scrittura, ma per ora mi sto dedicando solo a una di loro. Non so fino a che punto accetterei una CE. Vedere il mio pseudonimo in libreria sarebbe un sogno, però se la storia ci rimette (es. cambiano qualcosa) allora non mi va bene.

Quando hai deciso che volevi diventare una scrittrice? I tuoi amici e parenti ti hanno supportata oppure no?
Non mi piace ostentare, né tanto meno divulgare ciò che faccio. Per questo utilizzo uno pseudonimo. Dei miei lavori ne sono a conoscenza solo le persone che ho strettamente vicine e mi supportano ogni giorno. Ho deciso di intraprendere questa strada per mettermi alla prova.



Quali sono i tuoi pregi e difetti come autrice?
Mi reputo una persona piena di difetti: testarda, lunatica, orgogliosa e anche un po’ acida, quando mi arrabbio. Ma compenso con una buona dose di generosità, sincerità e dolcezza.

Ascolti mai il parere dei tuoi personaggi? 
No. Loro devono seguire me, sono io la loro mamma. :D
  
Sogno nel cassetto?
Mi piacerebbe visitare l’America. Ma non è un desiderio supremo. Di sogni nel cassetto non ne ho uno in particolare. Vorrei semplicemente realizzarmi e arrivare a un punto della mia vita in cui posso dire: “Ce l’ho fatta.” Di questi tempi e difficile ormai realizzarsi e sentirsi soddisfatti della propria vita, e sinceramente vorrei che un giorno riuscissi a provare tale emozione. Credo che non ci sia niente di più bello nel sentirsi soddisfatti e pensare di aver fatto tutto il necessario.

Ti è mai capitato di sentirti giu' di morale? E cosa fai in queste occasioni?
Sì, spesso. Sono una persona nostalgica. Ma non mi abbatto. In compenso seguo le mie passioni: leggere e scrivere, gli animali e lo sport. Sì, sono una sportiva.


Grazie mille ancora a R.T. Wade per avermi concesso questa intervista rimanete sintonizzati sulla pagina facebook del blog per scoprire chi sarà la protagonista della prossima intervista!


 






lunedì 6 marzo 2017

Intervista a Elisa Artemide



Care Lovers,

da oggi inauguriamo una nuova rubrica settimanale. Ogni settimana intervisterò per voi una autrice, le interviste vengono fatte il sabato pomeriggio, e voi potete partecipare con le vostre domande e/o curiosità attraverso la pagina facebook Book Lover. 


La prima autrice che inaugurerà questa rubrica è Elisa Artemide.

I suoi romanzi si trovano momentaneamente in formato ebook su amazon, e prossimamente si potranno trovare in formato cartaceo. Qui di sotto troverete i suoi lavori con il link per acquistarli su amazon.

 
  • DENTRO L’OSCURITA’ (PREQUEL DI LA LUCE OLTRE L’OSCURITÀ)
  • UN CUORE DA SALVARE (THE WALKER TRILOGY VOL. 1)
  • SCHIAVA DI UN ANGELO (SAGA I GUARDIANI VOL.1)
  • SCHIAVO PER AMORE (SAGA I GUARDIANI VOL.2)


    Bene ora iniziamo l'intervista!!
     
    Voglio ringraziare Elisa che mi ha dedicato del tempo per rispondere ad alcune domande.....

     Intervista   

    Cosa ti ha spinto a decidere di iniziare a scrivere un romanzo?

    Ho iniziato 4 anni fa a scrivere fanfiction su un noto manga 
      giapponese, City Hunter, e alcune amiche vedendo che avevo talento, 
      mi hanno spinto a buttarmi sul romance. Così è nato La luce oltre l'oscurità. 

    Ti è mai capitato di non essere soddisfatta di un tuo lavoro?  

    ⚜  Sì, Un cuore da salvare è stato rieditato con un epilogo completamente diverso

    Come mai non eri soddisfatta? Cosa non ti piaceva? 

    Non mi piacevano come erano strutturate certe scene che comprendevano la parte thriller, anche se è principalmente un erotico. E poi volevo un epilogo diverso che introducesse il 2 romanzo della serie.

    Cosa fai quando ti devi concentrare?
    A volte ascolto musica che mi può ispirare in una scena, ma a volte preferisco il silenzio.

    Hai detto che ascolti della musica, di che genere?
    Adele, Colplay e i Queen di cui sono una fan sfegatata. La musica dei Coldplay mi ha aiutato molto in alcune scene di Dentro l'oscurità.

    Come nascono le tue storie?
    Dalla mia anima, dal mio cuore e dalla mia mente malata. Ma a volte, sono ispirata da un film o da una serie tv e allora nasce un nuovo personaggio. 
     
    Come scegli i prestavolto per le tue storie? 
    Dalle serie tv o anche dai modelli. Blake per esempio ha il volto di Taylor Kinney, protagonista di Chicago fire. Torin ha il volto di Stephen Amell, protagonista di Arrow, Daryl, Scott e Ivan sono presi da attori di altre serie. Invece Xander e Thor hanno il volto di due attori che amo molto: Jamie Dornan e Chris Hemsworth. Per le mie protagoniste è la stessa cosa: Rose ha il volto di Sarah Shahi, una delle protagoniste di Chicago fire. Viola ha il volto di Dakota, Dafne ha il volto di Felicity, dato che amo Arrow e per Lilith ho scelto Olivia Wilde. 

    Se una CE dovesse decidere di acquistare i diritti per una tua storia quale vorresti finisse in libreria?
    Sarebbe un bellissimo sogno. Il romanzo che vorrei vedere pubblicato è la Luce oltre l'oscurità perché è quello che amo di più ed è quello in cui c'è tutta me stessa.
      
    Quando hai deciso che volevi diventare una scrittrice? I tuoi amici e parenti ti hanno supportata oppure no?
    Le mie amiche mi hanno supportata moltissimo, anzi devo molto a loro perché se ho deciso di scrivere è solo merito loro. Continuano a supportarmi ogni giorno e anche sopportarmi. La mia famiglia è composta solo da mio marito e lui è molto orgoglioso di me.
     
    Quali sono i tuoi pregi e difetti come autrice?
    Difetti te lo dico subito: sono troppo affrettata in alcune scene e questo me lo hanno fatto notare alcune. Pregi non lo so, non sta a me giudicare, ma a chi legge i miei libri.
      
    Ascolti mai il parere dei tuoi personaggi?
    No, ammetto di fare di testa mia.

    Sogno nel cassetto?
    Vedere un mio libro sullo scaffale della Feltrinelli o della Mondadori.

    Ti è mai capitato di sentirti giu' di morale? E cosa fai in queste occasioni?
    Sì molto, soprattutto quando denigrano il mio lavoro, ma poi penso che l'unica cosa che conta è la salute di mio marito e che non peggiori e allora lascio perdere e vado avanti.

    Quali sono le scrittrici e gli scrittori italiani che preferisci? 
    Oddio ho una lista lunghissima. Dunque gli scrittori che amo sono Marco Canella e Alex De Rosa, mentre le autrici che amo sono tantissime: Ely V Rose, Koraline, Kristen Kyle, Elisa Gentile, Alexandra Gale, Ava Lohan, Marilena Barbagallo, Fabiana Andreozzi e Sara Pratesi, Chiara Cipolla, Rossella Gallotti, Viola Raffei, Silvia Gurieri, Elena Bertani e tante altre... 

     Domande dei fan

    Federica chiede: Ciao Elisa come già sai mi piacciono i tuoi romanzi, cose c'è di te nei tuoi personaggi?? 
    Moltissimo, in Rose c'è la mia forza tanto che il prologo di La luce oltre l'oscurità è autobiografico. In Viola c'è la mia determinazione, in Dafne la mia testardaggine e in Lilith il mio amore.

    Federica: Chi è il personaggio scritto da te che ti rimarrà più nel cuore??
    Amo moltissimo Blake. È il mio primo protagonista, poi ha il volto di Taylor Kinney che amo tantissimo.

    Elvira: Ciao Elisa come vivi tutto il successo che ti ha travolta?
    Non penso di aver successo, ho ancora molta strada da fare per migliorarmi. Diciamo che la gente sta imparando a conoscermi, ma non sono al livello di alcune autrici che amo.

    Jessica: MMMM ROSE NON È CHE PUÒ CAMBIARE SFONDA E FIDANZARSI CON ME? 
    Ahahahah tesoro purtroppo è innamorata persa di Blake, però non ti nascondo che, dato che il mio migliore amico è gay, mi piace molto il mondo m/m, In Schiavo per amore c'è una scena molto piccante tra Daryl e Scott.

    Sonia: scriveresti un libro a quattro mani?E con chi? 
    Certo, mi piacerebbe farlo, ma non saprei con chi perché ammiro moltissime autrici. 

    ♡ Federica: Elisa quanto contano le lettrici e i social ???  
    Le lettrici sono indispensabili perché senza le loro recensioni non potrei migliorarmi, i social moltissimo per la pubblicità che posso fare nel promuovere i miei romanzi.

    Federica: Chi sono i tuoi scrittori o scrittrici che preferisci?? 
    Amo la Malpas, la James, Emma Chase, Gena Showalter e J.R War; ecc...

    Chiara: Quando scrivi prevale la pancia o la mente, cioè scrivi di getto o pensi e ripensi , leggi e rileggi fino alla perfezione?
    Prima scrivo di getto, poi ovviamente rileggo e correggo fino all'ultimo.